domenica 30 giugno 2013

Be original, Be different.



Simmel diceva "La moda esprime quindi la tensione tra uniformità e differenziazione, il desiderio contraddittorio di essere parte di un gruppo e simultaneamente stare fuori del gruppo, affermando la propria individualità."
Ciò che concettualmente il suo pensiero diceva è forse uno dei pilastri che regge la moda odierna, in una società contemporanea frammentata e ricche di sfumature, che si contraddice e si fa contraddire.
Se da un lato si sono persone che per distinguersi si scompongono in mille pezzi e cercano il proprio stile adattandolo a sè, con le proprie convinzioni ed i propri ideali, dall'altra parte, direi una buona parte, ci sono invece persone che si adeguano ad uno stile, ad un mood definito da qualcun altro, cercando di assomigliare il più possibile ad un ideale fittizio.

Più spesso mi capita di sfogliare, guardare, osservare fashion bloggers che hanno non sono una caratteristica in comune, ma sembrano essere delle copie, degli automi che seguono vicendevolmente ciò che qualcun altro ha deciso che va di moda in quel determinato periodo.
Non si parla solo di abiti, ma anche di acconciature, atteggiamenti, pezzi di vita che si assemblano ad altre senza nessun filo logico. 
La moda dovrebbe essere una continua ricerca di stile, una continua ricerca di sè stessi, senza mai fermarsi a qualcosa di semplice, ma un'analisi attenta su ciò che siamo e ciò che vogliamo.
Spesso capita di vedere addosso alle persone un approccio che a cui non appartengono, indossano capi e indumenti che non sono adatti a loro, ma pur di farlo nascondono il loro essere, denotando in questo modo incapacità di scelta e inadeguatezza di esprimere il proprio io.
Non si tratta solo di adeguarsi agli abiti, ma spesso ci standardizza anche sul lato fisico, modellando il proprio fisico a quello che la moda richiede, invitando molte persone a ricercare una magrezza che viene enfatizzata attraverso le campagne pubblicitarie di moda e attraverso gli stessi negozi che propongono sempre più taglie piccole. 
In questo modo, non solo non si accorgono di quanto la moda condizioni loro, ma non riescono a  ricercare quel qualcosa in più capaci di differenziarli.


Essere originali, oggi, sembra essere una malattia, un modo di essere così lontano, perchè l'originalità richiede uno sforzo introspettivo ed una voglia di emancipazioni dalla società di massa, che diviene quasi impossibile. Ma non possiamo legarci ai dettami della moda in modo così saldato, senza una via d'uscita, una via di fuga per poter trovare qualcosa di diverso.

La parola magica è proprio diversità. La diversità ci permette una differenziazione sostanziale dalle regole e dagli schemi della società della moda, una diversità che può essere anche minima, ma pregnante. 
perchè se pur è vero che nei negozi, in particolar modo quelli low cost, si vendono abiti e accessori tutti uguali, è altrettanto vero che è il nostro io che deve creare, o anzi ricreare, uno stile che ci appartenga e che si differenzi dagli altri.
Purtroppo non mi capita spesso di vedere un distinto così forte, una discordanza tra ciò che vuole la massa e ciò che vogliamo noi, ed è un vero peccato, perchè ognuno di noi è ricco di caratteristiche e di modi di essere particolari che possono arricchire l'originalità.

Bisognerebbe prendere i diktat della moda come una linea guida, ma modellandoli in base ai nostri gusti e alle nostre scelte personali, non conformandosi ad una infinità di persone.

Essere sè stessi ripaga dalla paura di uniformarsi agli altri, plasmando i nostri difetti ed i nostri pregi in quello che veramente siamo, esprimendolo fuori grazie ad uno stile che ci appartiene e non a cui apparteniamo.

See you soon,
Faty&Sury

19 commenti:

  1. No nn sono sparita guardo sempre i vostri post ma il poco tempo nn mi permette di commentare sn stata anche 15 gg. A letto.....riguardo a qst post concordo su tutto e aggiungo solo una cosa si è perso il vero senso del buon gusto dello stile e dell'originalità lasciando il posto a troppa volgarità e omologazione. Vi abbraccio Marcella

    RispondiElimina
  2. Brava però per me la parola magica è coerenza, mi spiego meglio, se tutte ci vestissimo in base alla propria personalità saremmo tutte diverse....invece la maggior parte delle persone cerca di essere quello che non è...
    Don't Call Me Fashion Blogger
    Facebook
    Bloglovin'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, la coerenza è tutto. Perchè dobbiamo rispecchiarci con il nostro io, e non adeguarci agli altri. Ed è per questo che l'originalità può anche ritrovarsi nella semplicità, o anche nel scoprire noi stessi!:)

      Elimina
  3. Mi piace molto il contenuto di questo post, che condivido pienamente.... non a caso il mio blog si chiama Express yourself!!!!
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  4. " La moda dovrebbe essere una continua ricerca di stile, una continua ricerca di sè stessi, senza mai fermarsi a qualcosa di semplice, ma un'analisi attenta su ciò che siamo e ciò che vogliamo" questa secondo me è la definizione di moda... bellissimo articolo e w l'originalità =)

    RispondiElimina
  5. Grazie ragazze per le vostre parole e le vostre opinioni; bisogna sapere distinguere le linee che superano l'originalità tra l'omologazione!:)

    RispondiElimina
  6. che belle parole.... condivido!

    Nuovo giveaway sul mio blog… ti va di partecipare?
    WoaKao giveaway
    Nameless Fashion Blog Facebook page

    RispondiElimina
  7. bel post, condivido non bisogna mai uniformarsi agli altri!!! un bacio
    LA MODE OUI C'EST MOI
    FACEBOOK
    BLOGLOVIN
    TWITTER

    RispondiElimina
  8. Congratulation ^^
    Lovely post sweety ; like everytimes

    New post - Kisses
    http://www.mademoisellemode.com/

    RispondiElimina
  9. Come ben sai i miei pensieri spesso sono concordi ai tuoi, come questa volta. Credo che l'originalità spesso si faccia da parte e venga sostituita con l'omologazione. Temo però che oggi giorno la moda stessa sia caratterizzata da ciò: infatti si vedono spesso brand che ripropongono simil-abiti/accessori ad altri, magari anche per permettere a tutti di possedere qualcosa in linea con quanto i grandi marchi..e io trovo che questo sia quasi un errore. Anch'essi dovrebbero possedere una propria originalità senza permettere che le persone vengano influenzate da questo circolo quasi vizioso. Penso che anche i marchi dovrebbero staccarsi un po' dalla realtà, per esempio attraverso delle collaborazioni (come propone ogni anno H&M).. Inoltre, come seconda questione, credo che spesso le persone abbiano paura di esporsi/esporre il proprio stile, magari perché a non tutti può piacere e questo porta a identificarsi ad altri, solo appunto per ottenere l'apprezzamento altrui. Per quanto riguarda invece gli atteggiamenti, io stessa spesso, anche nello scrivere nel mio blog, temo di essere troppo simile agli altri, di riproporre qualcosa già detto/fatto, ma ormai la blogsfera è così enorme che risulta difficile anche ciò..nonostante questo è importante che noi tutti cerchiamo di fare del nostro meglio, di essere noi stesse sempre e comunque anche se il nostro essere non corrisponde ai prototipi della società..proseguiamo con il nostro pensiero e un giorno verremo riconosciute proprio per questo ;)

    Forse mi sono dilungata un po' troppo, ma volevo dire la mia..spero il mio commento sia chiaro, altrimenti perdonatemi ;)
    Un bacio ragazze e, come sempre, ottimo lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche questo lato del problema dovrebbe essere analizzato, perchè è vero che i negozi low cost ripropongono sui propri store imitazioni di cose viste nella passerella di alta moda.
      Ma secondo me tutto ciò dipende proprio dalla domanda che noi ne facciamo, perchè è chiaro che anche le "comuni mortali" vorrebbero godere di quel abito o accessorio di alta moda; però le imitazioni palesi sono da abolire, anche loro dovrebbero trovare il loro essere e fare qualcosa di innovativo.
      Hai citato bene H&M, perchè secondo me ha delle grandi potenzialità nel distinguersi dagli altri!
      Abbiamo capito perfettamente il tuo discorso e siamo contenta che abbia preso anche tu al dibattito, tutti i pensieri sono importanti nel medesimo modo! A presto cara, e buona giornata!:)

      Elimina
  10. Sono pienamente d'accordo, seppure all'inizio ammetto di aver tentato l'omologazione per entrare a far parte del mondo del fashion blogging ... Con il tempo ho imparato, come dite voi, a modellare il mio stile su di me, sul mio corpo, sul mio essere e non su quello di altre ragazze, ad oggi il claim del mio blog è: make a difference, e io sono una persona felice :-)

    A presto ragazze!
    Elena
    www.mixelchic.it

    RispondiElimina
  11. Sono del tutto d'accordo con te! Spesso si vedono in giro ragazze che indossano capi che non solo non le valorizzano, ma le imbruttiscono perchè inadeguati alla loro fisicità, e solo perchè "vanno di moda"!
    Io sono la prima ad essere incuriosita dalle novità e dalle tendenze ma cerco sempre di interpretarle secondo il mio gusto personale ed evito quello che su di me sarebbe ridicolo. Purtroppo la ricerca dell'accettazione ad ogni costo passa inesorabilmente per l'omologaione...
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  12. Hello!

    I would like to invite you to participate in the giveaway gift card $ 40.00 on my blog:

    http://www.todacharmosa.com/2013/07/novo-sorteio-indressme-toda-charmosa.html

    XOXO and great week! ♥

    RispondiElimina
  13. I vostri comenti e le vostre impressioni sono state una grande fonte di ispirazione e discussione!
    Grazie a tutti!:)

    RispondiElimina
  14. you both look casual chIC !! Loving the accessories :)

    ❤ StylishByNature.com

    RispondiElimina
  15. alright, great! :> happy to read a new post of you!
    followed back by the way.

    wish u a lovely day:)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...