domenica 20 maggio 2012

Le donne vere hanno ( anche ) le curve.




E poi ci sono cose per cui non puoi tacere.
Cose per cui il diritto alla parola è di vitale essenza. Cose che devono uscire alla luce.
Sfogliando giornali e riviste, gustando gli attimi di passeggiate in città, contemplando i miei momenti di riflessioni mi sono accorta che esistono regole dettata dalla nostra società che non dovrebbero esistere, regole che si reggono e prendono sostanza aggrappandosi alla nostra morale. Regole che sminuiscono le persone.
Perchè determinati capi devono essere indossati solo da taglie piccole, per non dire anoressiche, mentre le ragazze un po' più in carne devono accontentarsi dei soliti abiti a tunica che coprono e svogliano la loro femminilità? Perchè le taglie devono essere preconfezionate per un prototipo di donne, invogliando le giovanissime a divenire così?

Spesso e volentieri capita che si sentano discorsi di sconosciuti che, usando il dono delle parole, fanno commenti di una sgradevolezza e umiliazione impressionante.
Come è possibile giudicare una persona rotonda per l'essersi messa un capo che dovrebbe, per loro, essere indossato solo da persone magre? Come è possibile sentire ancora questi discorsi?
Io non credo che esistano capi per gente A e capi per gente B. Gli abiti sono fatti affinché noi ci sentiamo tutt'uno con il nostro corpo, con la nostra identità, sono stati fatti per amarci e farci amare dagli altri.
L'abito è l'involucro della nostra anima, la plasmiamo in base alle nostre emozioni e ci facciamo aiutare in questa operazione dai vestiti.

Ed ecco che voglio arrivare alla seconda questione, quella legata alle testate giornalistiche di moda, e posso comprenderci anche i vari blog.

Perchè nelle varie riviste di moda si escludono a priori le modelle con le curve? Perchè aggrapparci sempre ai soliti ideali "occidentali"?
Parliamo ad esempio dell'operazione di marketing messo in atto da Franca Sozzani nell'editoriale di Vogue del Giugno dell'anno passato. Un editoriale dedicato alle donne vere, donne con le curve.
Cara signora Sozzani non basta un numero per poter togliere i preconcetti nella mentalità delle persone, non basta questo tipo di strategia per poter risolvere questo tipo di problema.
La rivista "Vogue" è riuscita ad ottenere molti consensi per questa mossa, ma io non mi fido di una sola mossa perchè il mondo per essere cambiato deve godere di diversi passi, deve essere accompagnato alla radice del problema e straparlo via.
La mia polemica nasce dal fatto che a parole è troppo facile convincere gli altri del nostro finto perbenismo e buonismo, ma la realtà mi mostra che il mondo è pieno di persone pronte a giudicarti per ciò che indossi, in particolar modo quando non godi di una determinata taglia.
Penso che quando indossiamo determinati capi dobbiamo stare bene con noi stessi, amarci, e contemplare che noi siamo questo, che la nostra natura è questa.
Questo è ciò che mi trasmettono alcune persone quando le vedo in strada, mi trasmettono la loro vitalità e il loro stare bene con sè stessi. Il loro sentire comunque e ovunque sè stessi senza parsi manipolare dagli idealismi della società.
Le critiche, le malelingue ecco di cosa il mondo e la società dovrebbero essere stufi.
L'ipocrisia costante che ci pervade, l'ipocrisia dei nostri pensieri, l'ipocrisia dell'estetica.
Nessuno contempla più la bellezza che una persona esprime attraverso i suoi occhi tralasciando il suo aspetto fisico, nessuno si assicura dell'emozione che una persona porta quando indossa un capo.
La concretezza della semplicità si è persa di vista per farci appagare da una superficialità composta da fanatismi modaioli, fatti di diktat assurdi e focalizzati sempre per il solito target.

Amiamo noi stessi e impariamo ad amare gli altri.
Non conta la taglia, il colore della pelle, il colore dei capelli, ciò che conta è sempre la passione e l'amore che ci mettiamo nella nostra vita.
Come si fa considerarsi essere umani provando disgusto per un proprio simile? Come si fa ad accettarsi se non riusciamo ad accettare gli altri?

"Ma il problema non è accettare, è condividere."   (Saturno Contro, Ferzan Opzetek )


See you soon,
4girls

Song: "Fuckin' Perfect" P!nk

23 commenti:

  1. diciamo la verita':LA DONNA E'CON LE CURVE...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io mi aggancio dicendo che proprio per il fatto che non ne ho avuto dono specialmente nella parte superiore ma anche in quella inferiore ammiro tutte quelle che possono permettersi che i maglioncini scendano sui fianchi morbidamente.
      E basta con queste anoressiche...so' brutte!!
      Don't Call Me Fashion Blogger
      Bloglovin'
      Facebook

      Elimina
  2. La bellezza non ha stereotipi... a me è capitato di innamorarmi di donne completamente diverse tra loro, e anche diverse dal mio astratto ideale di donna... per cui alla fine nella realtà le cose che contano sono altre!!!
    ;-)

    RispondiElimina
  3. questo post è da salvare ma soprattutto da tener ben presente nei momenti un po' out...
    io ho qualche curva in più e anche io come te penso che dobbiamo imparare ad amarci...


    il problema poi è il confronto con gli altri, magari un jeans che non calza solo perchè determinate aziende arrivano alla 44-46

    non so guarda ma io ci sto lavorando perchè non è poi così semplice amarsi e accettare il proprio corpo quando hai determinati riscontri.

    Pieces of Me... Nicky

    RispondiElimina
  4. le statue greche erano piene di curve perché sinonimo di armonia, equilibrio. La sensualità e la femminilità sono conseguenze dirette delle curve. Le donne le devono avere! Io sto benissimo con le mie curvette ;) e quelle che non le hanno... mi spiace per loro! ahahaha

    RispondiElimina
  5. thanks for commenting on my blog honey, following you back <3
    A
    xx
    http://epiquemoi.blogspot.com

    RispondiElimina
  6. Assolutamente vero quello che hai scritto.
    Sono una nuova follower, spero ricamberai.

    Style shouts

    RispondiElimina
  7. Secondo me ogni fisicità ha capi che le donano più o meno: è vero che non è bello vedere ragazze con curve un pò troppo generose strizzate in abitini aderenti di 2 taglie di meno, ma altrettanto sgradevoli sono i decolletèe "vuoti" dei bustini indossati da ragazze senza seno...
    Insomma è come scegliere i colori più adatti a ciascuna, a certe il verde dona, ad altre no, basta guardarsi allo specchio,no? ;)
    Un bacio!

    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  8. Bellissimo post!!! Concordo pienamente con quanto detto, brave!!!

    RispondiElimina
  9. brava, apprezzo tantissimo questo post.

    siamo succubi tutte di donne iper magre e infelici.

    avete mai visto una ragazza paffuta triste e incazzata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te!
      La felicità è anche negli occhi di chi guarda!:)

      Elimina
  10. Che bello questo post.
    Prima di tutto ti faccio i miei complimenti per come scrivi,sei coinvolgente!L'argomento è mooolto,moolto delicato.Secondo me è vero che certi abiti stanno meglio alle "magre" ma è anche vero l'opposto,cioè che molti capi donano di più alle donne formose.Oggi con l'espansione di internet,social network &co si sente più la pressione di "apparire" sempre perfetti e nei canoni...siamo circondate da donne perfette ovunque...tv,giornali,cartelloni pubblicitari e quant'altro...Ma cos'è veramente perfetto?!Le ragazze più giovani sono le più influenzate,ma esistono anche milioni di donne mature che ricorrono a chirurgia e quant'altro per apparire delle ventenni anoressiche.Probabilmente la crisi non è solo finanziaria ma anche di valori.
    ps.passa da me,mi hanno contattato per partecipare ad un evento a cui puoi partecipare anche tu ;)
    buona serata

    RispondiElimina
  11. Grazie a tutti voi per le vostre parole.
    il mio intento è solo di dar da pensare alle persone e spronarli a migliorarsi.
    Bisogna sempre saper vedere cosa c'è dietro ad un vestito, bisogna sempre amare il prossimo come noi amiamo noi.
    I percorsi di ognuno di noi sono diversi, ma non per questo non ci può essere un atto di comprensione fra di noi.
    Impariamo a distinguere che le persone di serie B sono le persone che non meritano niente, quelle a cui piace insultare e vaneggiare con le parole.
    A presto!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Impariamo a distinguere che le persone di serie B sono le persone che non meritano niente, quelle a cui piace insultare e vaneggiare con le parole"
      anche questa è da segnare :)
      buon fine settimana!!

      Elimina
  12. in attesa del nuovo post dico...viva le curve!!!un bacioooo

    RispondiElimina
  13. ah per l'appunto... grazie mille per il commento che mi hai lasciato, l'ho apprezzato tantissimo sai. Le curve ci vogliono, non siamo paletti, ma donne!

    baci

    RispondiElimina
  14. Hello, 4girls.

     Your heartwarming works fascinates my heart.

     Thank you for your kindness.
     And i pray for you and yours peace.

    Have a good new-week. From Japan, ruma ❃

    RispondiElimina
  15. awww, i read the transladed version of this post. lovely post. :) have a great week, my friend. :)




    xoxo
    jasmine
    AdamAlexMommy

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...